RAGGIOLO E QUELLA LAPIDE CHE NE CELEBRA L’UMANO EROISMO

0 0
Read Time:2 Minute, 18 Second

Chi mi conosce o mi segue sul blog e sui social sa quanto sia legato a Raggiolo, diciamo pure innamorato.

Arroccato sulle pendici del Pratomagno in provincia di Arezzo, Raggiolo è un piccolo agglomerato urbano immerso nel verde del casentino toscano che ha fatto della salvaguardia dell’ambiente e della riscoperta delle tradizioni la propria forza propulsiva in ambito turistico tanto da meritarsi l’accesso nell’esclusivo club dei borghi più belli d’Italia, come recita con orgoglio uno dei cartelli d’ingresso al paese.

L’aria pura che vi si respira e la quiete che culla l’anima leniscono i turbamenti della quotidianità, consentendo all’uomo di ritrovare se stesso e di riscoprire il proprio imprescindibile legame con la natura. Queste furono le ragioni per cui intitolai RAGGIOLO, UNO SCORCIO DI PARADISO IN TERRA il volume di racconti e riflessioni che vi dedicai.

Sono oltre vent’anni che con la famiglia d’estate vado in vacanza a Raggiolo, eppure ogni volta che ci ritorno, il paese mi riserva sempre nuove sorprese ed emozioni.

Ultima piacevole scoperta la lapide affissa in un angolo del paese frutto della riconoscenza di un gruppo di famiglie ebree che durante il periodo delle leggi razziali trovarono rifugio a Raggiolo, scampando a un inevitabile quanto mai tragico destino.

Di questa lapide scoperta l’11 agosto del 2013 ne ero all’oscuro. Eppure chissà quante volte l’ho sfiorata distrattamente con lo sguardo mentre passeggiavo per il paese.

Tutto ciò rientra nello spirito dei raggiolatti, gente allegra ma discreta che mai si sognerebbe di vantarsi di un gesto che dovrebbe appartenere a chiunque si reputi uomo: mettere a repentaglio se stesso e il paese con l’assenso dell’intera comunità pur di salvare delle vite umane.

A nessun raggiolatto sarebbe venuto in mente di edificare una lapide per autocelebrare un simile atto di eroismo – ve ne è un’altra per onorare i raggiolatti caduti in guerra – in quanto l’accoglienza, il rispetto per il prossimo, a prescindere dalla lingua, dall’etnia e dal colore della pelle appartengono allo spirito del luogo.

La foto della lapide dedicata a Raggiolo per aver difeso dal nazifascismo degli ebrei, su cui è evidenziato che TUTTI SAPEVANO NESSUNO HA PARLATO, mi è stata inviata ieri sera dal Paolo Schiatti il Presidente della Brigata di Raggiolo in risposta alla mia recensione a LA LETTERA DI GERTRUD, un romanzo dello scrittore svedese Bjorn Larssen sull’antisemitismo e sull’essere ebrei.

La stessa foto è stata pubblicata ieri sulla pagina Facebook della Brigata senza alcuna enfasi, come se fosse una delle tante per commemorare la giornata della memoria, a conferma dell’umiltà che caratterizza i raggiolatti anche quando avrebbero più di un motivo di vanto.  

Pure questo è Raggiolo, onorato di farne parte!

About Post Author

vincenzo giarritiello

Nato a Napoli nel 1964, Vincenzo Giarritiello fin da ragazzo coltiva la passione per la scrittura. Nel 1997 pubblica L’ULTIMA NOTTE E ALTRI RACCONTI con Tommaso Marotta Editore; nel 2000 LA SCELTA con le Edizioni Tracce di Pescara. Nel 1999 la rivista letteraria L’IMMAGINAZIONE pubblica il suo racconto BARTLEBY LO SCRIVANO… EPILOGO, rivisitazione del famoso racconto di H. Melville. Dal 2002 al 2009 ha coordinato laboratori di scrittura creativa per ragazzi tra cui uno presso la sezione femminile dell’IPM di Nisida, esperienza che racconta nel libro LE MIE RAGAZZE – RAGAZZE ROM SCRIVONO edito nel 2019. Tra il 2017 e il 2020 ha ristampato L’ULTIMA NOTTE e pubblicato SIGNATURE RERUM (il sussurro della sibilla), RAGGIOLO, UNO SCORCIO DI PRADISO IN TERRA e la raccolta di racconto L’UOMO CHE REALIZZAVA I SOGNI. Nel 2020 ha pubblicato con le edizioni Helicon il romanzo IL RAGAZZO CHE DANZÒCON IL MARE. Ha collaborato e collabora con diverse associazioni culturali (Magaris; Lux in fabula), con riviste cartacee e digitali tra cui IL BOLLETTINO FLEGREO, NAPOLI PIÙ, MEMO, GIORNALE WOLF, COMUNICARE SENZA FRONTIERE, QUICAMPIFLEGREI.IT. Nel 2005 ha aperto il blog LA VOCE DI KAYFA e nel 2017 LA VOCE DI KAYFA 2.0. Dal 2019 ha attivato il sito www.vincenzogiarritiello.it. Per la sua attività di scrittore e poeta in vernacolo ha ricevuto riconoscimenti letterari.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *