POZZUOLI: L’IMPIEGATO È ASSENTE, LO SPORTELLO NON FUNZIONA.

0 0
Read Time:1 Minute, 53 Second

Questa mattina sono andato agli uffici del Comune di Pozzuoli di Piazza della Repubblica per richiedere dei documenti. Quando sono entrato, mi sono rivolto a uno degli addetti alla porta chiedendogli a quale sportello mi dovevo rivolgere. Mi ha risposto:

<<Oggi non è possibile, manca l’operatore: o ripassate domattina oppure, se vi servono con urgenza, dovete andare a Monterusciello>>.

Poiché prima di scendere di casa, consultando il sito del Comune, avevo letto che gli uffici di Toiano il lunedì sono chiusi, ho chiesto:

<<Quindi anche per voi valgono gli stessi giorni e orari di lavoro di Toiano!?>>.

<No, noi siamo aperti dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 12 e anche il mercoledì pomeriggio dalle 14,10 alle 16,10>> ha risposto, mostrandomi l’avviso sulla porta. <<Oggi l’operatore è assente, e non so se domani rientrerà. È meglio se andate direttamente a Monterusciello>>.

Senza aggiungere altro, ho salutato e sono andato via.

Ora, premesso che gli imprevisti appartengono alla quotidianità per cui ci sta che un ufficio pubblico possa bloccarsi – quando ciò avviene, la causa quasi sempre è un disservizio della rete telematica. Ma che ciò accada per l’assenza di un operatore, sinceramente, mi sembra alquanto anomalo, soprattutto perché si suppone debba esistere chi lo sostituisca.

Tuttavia, non conoscendo le dinamiche lavorative del Comune, non metto affatto in discussione che le ragioni del disservizio siano più che giustificate, ci mancherebbe!

Per quanto mi riguarda, sbollita la rabbia, non mi resta che attendere domani, sperando che tutto si normalizzi. Altrimenti andrò a Monterusciello.

Una domanda però me la pongo: cosa accadrebbe, e probabilmente sarà accaduto, se al mio posto ci fosse stata una persona anziana, o chiunque non fosse munito di mezzi propri e non avesse chi lo accompagnasse?

Come ci arriverebbe a Monterusciello, visto che gli autobus che collegano i vari quartieri di Pozzuoli funzionano a corrente alternata, volendo utilizzare un eufemismo, e il documento gli servisse con assoluta urgenza?

Oppure prendiamo il caso di chi, conoscendo gli orari di lavoro degli uffici comunali, si fosse presa qualche ora di permesso, se non addirittura l’intera giornata, per richiedere i documenti, e si trovasse la porta sbarrata perché manca l’impiegato!?

About Post Author

vincenzo giarritiello

Nato a Napoli nel 1964, Vincenzo Giarritiello fin da ragazzo coltiva la passione per la scrittura. Nel 1997 pubblica L’ULTIMA NOTTE E ALTRI RACCONTI con Tommaso Marotta Editore; nel 2000 LA SCELTA con le Edizioni Tracce di Pescara. Nel 1999 la rivista letteraria L’IMMAGINAZIONE pubblica il suo racconto BARTLEBY LO SCRIVANO… EPILOGO, rivisitazione del famoso racconto di H. Melville. Dal 2002 al 2009 ha coordinato laboratori di scrittura creativa per ragazzi tra cui uno presso la sezione femminile dell’IPM di Nisida, esperienza che racconta nel libro LE MIE RAGAZZE – RAGAZZE ROM SCRIVONO edito nel 2019. Tra il 2017 e il 2020 ha ristampato L’ULTIMA NOTTE e pubblicato SIGNATURE RERUM (il sussurro della sibilla), RAGGIOLO, UNO SCORCIO DI PRADISO IN TERRA e la raccolta di racconto L’UOMO CHE REALIZZAVA I SOGNI. Nel 2020 ha pubblicato con le edizioni Helicon il romanzo IL RAGAZZO CHE DANZÒCON IL MARE. Ha collaborato e collabora con diverse associazioni culturali (Magaris; Lux in fabula), con riviste cartacee e digitali tra cui IL BOLLETTINO FLEGREO, NAPOLI PIÙ, MEMO, GIORNALE WOLF, COMUNICARE SENZA FRONTIERE, QUICAMPIFLEGREI.IT. Nel 2005 ha aperto il blog LA VOCE DI KAYFA e nel 2017 LA VOCE DI KAYFA 2.0. Dal 2019 ha attivato il sito www.vincenzogiarritiello.it. Per la sua attività di scrittore e poeta in vernacolo ha ricevuto riconoscimenti letterari.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *