Coast to Coast/Sorrento-Amalfi, una sconfinata emozione.

0 0
Read Time:2 Minute, 23 Second

Dopo aver portato a termine senza tanti patemi la Napoli-Pompei, prima di stabilire se fosse il caso o meno di iscrivermi alla maratona di Napoli che si sarebbe corsa a febbraio del 2014, mi iscrissi alla Coast to Coast/Sorrento-Amalfi di metà dicembre: 32 km di cui oltre 20 lungo i tornanti e i saliscendi della costiera amalfitana.

Finora quella resta in assoluto la gara più bella a cui abbia partecipato. Bella non tanto per lo scenario mozzafiato in cui si svolse – quando sei in gara, soprattutto in una tosta come la Coast To Coast, concentrato come sei a gestire le energie per non rischiare di restare a secco di benzina prima dell’arrivo, del panorama te ne preoccupi relativamente – quanto per le emozioni che mi regalò.

Ancora oggi quando ripenso a quei 32 km mi coglie una profonda emozione.

 A distanza di nove anni di quella gara ricordo distintamente ogni dettaglio come se l’avessi vissuta ieri: l’adrenalina a mille prima della partenza; i saluti e le battute di incoraggiamento tra noi runner; il lungo drappo di magliette colorate che allo sparo dello starter si dipanò lungo le vie di Sorrento; il gruppetto di atleti capitanato da Gelindo Bordin, medaglia d’oro nella maratona alle olimpiadi di Seul del 1988, che alla partenza trotterellava infischiandosene di quanti lo superavano, “tranquilli, tanto li prendiamo” li rassicurava Bordin dall’alto della propria esperienza; la lunga salita, dopo appena 2 km di gara, che da Sorrento si arrampica verso Sant’Agata dei due Golfi; la interminabile discesa che dal bivio con Sant’Agata scivola verso Praiano che affrontai allegramente, preda dell’entusiasmo, pagandone poi le conseguenze una volta giunto sulla costiera; il lungo serpente d’asfalto che traccia la costiera in un interminabile sequela di tornanti; la crisi che mi colse al 24 km, inducendomi a valutare se non fosse il caso mi ritirassi, mentre venivo superato dal gruppetto di Bordin che seraficamente trotterellava verso la meta; la sosta al rifornimento del 25 km per bere e mangiare rigeneranti tranci di frutta.

Ma soprattutto indimenticabile è l’ultimo chilometro, tutto in discesa, verso Amalfi. Man mano che mi avvicinavo al traguardo, sentendo la voce dello speaker, se non erro il compianto Marco Cascone, incoraggiare e salutare gli atleti all’arrivo scandendone cognome, società e tempo su un sottofondo musicale, fui colto da una tale emozione che iniziai a piangere come un ragazzino fino all’arrivo: non mi sembrava vero che ce l’avessi fatta.

Quando tagliai il traguardo, il risultato cronometrico di 3 ore e 04 minuti – una media di 5 minuti e 45 secondi a km – fu la conferma che non solo avevo fatto per le mie possibilità una gara più che dignitosa, ma soprattutto che ero pronto per la mia prima maratona.

La maratona di Napoli era ormai dietro l’angolo…  

About Post Author

vincenzo giarritiello

Nato a Napoli nel 1964, Vincenzo Giarritiello fin da ragazzo coltiva la passione per la scrittura. Nel 1997 pubblica L’ULTIMA NOTTE E ALTRI RACCONTI con Tommaso Marotta Editore; nel 2000 LA SCELTA con le Edizioni Tracce di Pescara. Nel 1999 la rivista letteraria L’IMMAGINAZIONE pubblica il suo racconto BARTLEBY LO SCRIVANO… EPILOGO, rivisitazione del famoso racconto di H. Melville. Dal 2002 al 2009 ha coordinato laboratori di scrittura creativa per ragazzi tra cui uno presso la sezione femminile dell’IPM di Nisida, esperienza che racconta nel libro LE MIE RAGAZZE – RAGAZZE ROM SCRIVONO edito nel 2019. Tra il 2017 e il 2020 ha ristampato L’ULTIMA NOTTE e pubblicato SIGNATURE RERUM (il sussurro della sibilla), RAGGIOLO, UNO SCORCIO DI PRADISO IN TERRA e la raccolta di racconto L’UOMO CHE REALIZZAVA I SOGNI. Nel 2020 ha pubblicato con le edizioni Helicon il romanzo IL RAGAZZO CHE DANZÒCON IL MARE. Nel 2021, sempre con le Edizioni Helicon, ha pubblicato il romanzo UN UOMO BUONO (mio padre malato di Alzheimer). Ha collaborato e collabora con diverse associazioni culturali (Magaris; Lux in fabula), con riviste cartacee e digitali tra cui IL BOLLETTINO FLEGREO, NAPOLI PIÙ, MEMO, GIORNALE WOLF, COMUNICARE SENZA FRONTIERE, QUICAMPIFLEGREI.IT. Nel 2005 ha aperto il blog LA VOCE DI KAYFA e nel 2017 LA VOCE DI KAYFA 2.0. Dal 2019 ha attivato il sito www.vincenzogiarritiello.it. Per la sua attività di scrittore e poeta in vernacolo ha ricevuto riconoscimenti letterari.
Happy
Happy
100 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.