CE VO ‘A CIORTA PURE A MURÌ

0 0
Read Time:4 Minute, 54 Second

Questa poesia la scrissi a gennaio del 2009 quando mio padre, allettato dall’Alzheimer, ebbe una crisi che lo tenne sospeso per quasi una settimana lo tenne sospeso tra la vita e la morte. La ripropongo in questo giorno dedicato a tutti i papà, sperando che la sua anima, dopo indicibili sofferenze, abbia finalmente trovato la meritata pace. Mi scuso per il napoletano non perfetto. Inoltre, per tutti coloro che non lo comprendono, a seguire troverete la traduzione in italiano.

Dinto ‘a vita ce vo ‘a ciorta

nun sulo pe’ campà

ma pure pe’ murì!

Accussì comme c’è sta

chi da ‘a vita ave

denare, salute, gioja, ammore

comme se niente fosse,

quasi ca tutt’ ste ccose bbelle

ll’appartenessere pe’ diritto,

accussì c’è sta chi more senza suffrì,

pazianno cu ll’amici,

magnano ca famiglia,

ciacieannese sotto e lenzole

cu ‘na bella figliola.

Ma ‘a morta cchiù serena

penzo adda essere

chella ca te coje mentre duorme:

te cucche ‘a sera dinto o lietto

e te scita ‘a matina all’ato munno

annanze a San Pietro,

senza sapè né comme né pecché!

È overo, ste morte ‘mpruvvise

so’ belle pe’ chi ‘e subisce,

nun certo pe’ chi ‘e patisce.

Sai che strazio adda esse’

pe’ ‘e pariente, ll’amici, l’amante

vedè ca ll’ammore se ne è juto all’intrasatta

senza manco salutà?

Loro chiagneno,

se disperano pecché

nun po’ essere overo

ch’ ‘a felicità e l’alleria

nun ce stanno cchiù.

‘A sufferenza lloro è naturale

pecché nisciuno,

pure sapenno ca ll’ommo è nato pe’ murì,

accetta ‘a morte comme ll’unico destino

capace ‘e rennere ll’uommene

uguale l’uno cu ll’ato.

Nisciuno penza a quanto è stato furtunato

chi se ne juto accussì,

chiurenne semplicemente ll’uocchje

comme se ‘na mano ‘nvisibile

avesse tajato cu ‘na forbice

‘e file da currente

che ‘o facevano campà.

Nisciuno penza a tutte chelle perzone

cundannate a schiattà dinto ‘a nu lietto

miezo a tante sufferenze,

spisso sputann’ ‘o sanghe ‘a vocca,

prianno Dio ‘e se chiammà

pecché nun c’ ‘a fanno cchiù a campà!

Nisciuno penza a tutta chella gente

custrette da nu destino nfame

a s’attacà a ‘na machina

pe’ respirà o pe’ magnà

mentre l’uocchie lloro

ll’unico cielo ca vereno ‘e ‘o soffitto,

ll’uniche stelle ca l’allummeneno ll’uocchie

‘a luce do lampiere appiso ‘ncapa a lloro.

Nisciuno penza a chilli disperate

ca doppo avè jettato o veleno

‘na vita sana a faticà

pe’ purtà nu piezzo ‘e pane a casa

pe’ dda ‘a magnà ‘a famija,

ca iennesene ‘n penzione

se putessere finalmente arrepusà

e godè ‘nu muorzo ‘e vita,

su cundannate ‘a suffrì pure pe’ murì

spennenne ‘a penzione

pe’ mmericine, duttore e ‘nfermiere

comme se coccurono ll’avesse jettate na jastemma.

Ciuncate dinto a nu lietto

cu ‘a  cerevella che ddà ‘e nummere ‘o banculotte,

cunfonnene ‘e ricorde e e nomme de perzone

comme ll’uojo dinto all’acqua;

abbuffate ‘e fetenzie

pe’ vocca, pe’ culo, pe’ dinte ‘e vene

e a vote pe’ ffino pe’ dinte ‘e recchie

da mane ottuse

ca cunfonnono ll’ammore cu l’egosimo,

convinte ca ‘a pace da morte

fa cchiù mmale de’ sufferenze

‘e ‘na vita senza vita!

Traduzione

CI VUOLE FORTUNA PURE PER MORIRE

Nella vita ci vuole fortuna

non soltanto per vivere

ma anche per morire!

Così come c’è

chi dalla vita

denaro, salute, gioia, amore,

come se tutte queste belle cose

gli appartenessero di diritto,

così c’è chi muore senza soffrire,

giocando con gli amici,

mangiando con la famiglia,

spassandosela sotto le lenzuola

con una bella ragazza.

Ma la morte più serena

penso debba essere

quella che ti coglie mentre dormi:

ti corichi la sera nel letto

e ti svegli la mattina all’altro mondo

al cospetto di San Pietro,

senza sapere né come né perché!

È vero, queste morti improvvise

sono belle per chi le subisce,

non certo per chi le patisce.

Sai che strazio deve essere

per i parenti, gli amici, l’amante

vedere che l’amore se ne è andato

all’improvviso

senza nemmeno salutare?

Loro piangono,

si disperano perché

non più essere vero

che la felicità e l’allegria

non ci sono più.

La loro sofferenza è normale

perché nessuno,

pur sapendo che l’uomo è nato per morire,

accetta la morte come destino ineluttabile

in grado di rendere gli uomini

uguali l’uno con l’altro.

Nessuno pensa a quanto sia stato fortunato

chi se ne è andato così,

chiudendo semplicemente gli occhi

come se una mano invisibile

avesse tagliato con una forbice

i fili della corrente

che lo faceva vivere.

Nessuno pensa a tutte quelle persone

condannate a vivere allettate

tra tanta sofferenza,

spesso sputando sangue dalla bocca,

pregando Dio di chiamarle sé

perché non ce la fanno più a vivere.

Nessuno pensa a tutta quella gente

costretta da un destino infame

a doversi attaccare a una macchina

per respirare e mangiare

mentre i loro occhi

l’unico cielo che vedono è il soffitto,

le uniche stelle che brillano nei loro occhi

è la luce del lampadario sulla loro testa.

Nessuno pensa a quei disperati

che dopo aver buttato veleno

una vita intera a lavorare

per portare un pezzo di pane a casa

Per sfamare la famiglia,

che andando in pensione

potrebbero finalmente riposarsi

e godersi gli ultimi scampoli di vita,

sono condannati a soffrire pure per morire

spendendo la pensione

per medicine, dottori e infermieri

come se qualcuno gli avesse fatto una fattura.

Bloccati in un letto

con la mente che non ragiona,

confondendo i ricordi e i nomi delle persone

come l’olio nell’acqua;

ingozzate di schifezze

per bocca, per culo, nelle vene

e a volte perfino nelle orecchie

da mani ottuse

che confondono l’amore con l’egoismo,

convinte che la pace della morte

fa più male delle sofferenze

di una vita senza vita!

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

3 thoughts on “CE VO ‘A CIORTA PURE A MURÌ

  1. Bellissima poesia ma più troppo c’è tanta gente che non pensa alla morte e fa tante cattiverie e fa soffrire la gente non pensa che i peccati qua si fanno e qua si scontano e come sono venuti al mondo così se ne vanno accompagnati dalle bestemmie di chi a sofferto per colpa loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *