Rinascimento puteolano: la necropoli del Ponte Copin torna a rivedere le stelle.

0 0
Read Time:2 Minute, 28 Second

Quando, poco più di un mese fa,   si incendiarono le gradinate in legno dell’anfiteatro Flavio, in tanti non ce ne stupimmo: nel corso degli anni ripetute erano state le denunce per lo stato di abbandono e degrado in cui versavano, e in alcuni casi ancora versano, molti siti archeologici di Pozzuoli.

Tra questi spiccava la necropoli romana del Ponte Copin, meglio noto come “ponte azzurro”. Aperta al pubblico più di vent’anni fa, non si è mai capito perché fosse stata repentinamente chiusa e abbandonata a se stessa tanto da consentire alla vegetazione di inghiottirla fino a nasconderla nemmeno fossimo nella foresta amazzonica.

Chiunque chiedesse chiarimenti ai rappresentanti delle istituzioni locali del perché un sito di tale bellezza e dimensioni, che in qualunque altro posto sarebbe stato tutelato, valorizzato e sfruttato per incrementare il turismo e arricchire la comunità, doveva subire una simile umiliazione, si sentiva rispondere: “la gestione del patrimonio archeologico non compete al Comune ma alla soprintendenza!”

Seppure quella spiegazione lasciasse più di un dubbio – a seguito dell’incendio dell’anfiteatro, facendo delle ricerche in rete, si è scoperto che esistono delle leggi che consentono agli enti locali di intervenire direttamente nella tutela e gestione dei beni culturali situati sul proprio territorio -, si confidava che, prima o poi, quell’immenso patrimonio, trovasse la propria valorizzazione.

Cosa che finalmente sta avvenendo. Grazie all’intervento del Comune annunciato dal Sindaco Vincenzo Figliolia, nel giro di poche settimane la sterpaglia è stata tagliata e la necropoli è tornata a risplendere al sole per la gioia dei cittadini e dei turisti.

Certo c’è ancora molto da fare per renderla davvero fruibile al pubblico, ad esempio mettere in sicurezza le tettoie che la coprono e ripristinare i cancelli di entrata per evitare atti vandalici da parte di teppisti o di chi ama l’arte e non sa resistere alla tentazione di appropriarsi di un “pezzo” di storia da conservare a casa.

Tuttavia il suo tornare a riveder le stelle, sommato agli svariati eventi organizzati questa estate in diversi siti archeologici puteolani rimessi a “nuovo” per l’occasione, unitamente al cinema all’aperto allestito sul Rione Terra, ai tanti eventi culturali svoltisi nei luoghi più suggestivi della città e all’inaugurazione a fine luglio del nuovo tratto del percorso archeologico degli scavi del Rione Terra, è un segnale forte che lascia bene sperare per il rilancio turistico di Pozzuoli.

Bisogna augurarsi che non si tratti soltanto di un fuoco di paglia in vista di “Procida capitale delle cultura 2022” – Pozzuoli è il porto naturale di imbarco per quanti si recheranno sull’isola flegrea per assistere agli eventi organizzati ed è giusto che a sua volta offra una proposta culturale degna della sua storia millenaria -, quindi una volta che la festa passerà ci si dimenticherà del santo, bensì dell’inizio di un vero rinascimento puteolano.

Sarebbe ora che Pozzuoli decollasse non solo a livello di ristorazione, ma prima di tutto culturale.

I presupposti ci sono tutti, non sprechiamoli.

About Post Author

vincenzo giarritiello

Nato a Napoli nel 1964, Vincenzo Giarritiello fin da ragazzo coltiva la passione per la scrittura. Nel 1997 pubblica L’ULTIMA NOTTE E ALTRI RACCONTI con Tommaso Marotta Editore; nel 2000 LA SCELTA con le Edizioni Tracce di Pescara. Nel 1999 la rivista letteraria L’IMMAGINAZIONE pubblica il suo racconto BARTLEBY LO SCRIVANO… EPILOGO, rivisitazione del famoso racconto di H. Melville. Dal 2002 al 2009 ha coordinato laboratori di scrittura creativa per ragazzi tra cui uno presso la sezione femminile dell’IPM di Nisida, esperienza che racconta nel libro LE MIE RAGAZZE – RAGAZZE ROM SCRIVONO edito nel 2019. Tra il 2017 e il 2020 ha ristampato L’ULTIMA NOTTE e pubblicato SIGNATURE RERUM (il sussurro della sibilla), RAGGIOLO, UNO SCORCIO DI PRADISO IN TERRA e la raccolta di racconto L’UOMO CHE REALIZZAVA I SOGNI. Nel 2020 ha pubblicato con le edizioni Helicon il romanzo IL RAGAZZO CHE DANZÒCON IL MARE. Nel 2021, sempre con le Edizioni Helicon, ha pubblicato il romanzo UN UOMO BUONO (mio padre malato di Alzheimer). Ha collaborato e collabora con diverse associazioni culturali (Magaris; Lux in fabula), con riviste cartacee e digitali tra cui IL BOLLETTINO FLEGREO, NAPOLI PIÙ, MEMO, GIORNALE WOLF, COMUNICARE SENZA FRONTIERE, QUICAMPIFLEGREI.IT. Nel 2005 ha aperto il blog LA VOCE DI KAYFA e nel 2017 LA VOCE DI KAYFA 2.0. Dal 2019 ha attivato il sito www.vincenzogiarritiello.it. Per la sua attività di scrittore e poeta in vernacolo ha ricevuto riconoscimenti letterari.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.